Giulio Spagone ©2014 - all rights reserved

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic
Follow Us
Search By Tags

December 18, 2018

July 17, 2018

March 20, 2018

March 5, 2018

May 20, 2017

February 16, 2017

Please reload

Recent Posts

Amnios | FIAF

May 20, 2017

1/10
Please reload

Featured Posts

Nuova Light Experience di Giulio Spagone

July 29, 2014

 

LA CIUDAD DE D10S | DEEP BLU

Mostra Fotografica di CLAUDIO MENNA

29 Luglio - 1 Agosto 2014

Biblioteca "R. Chiantera" - ex Museo Pino PASCALI
Via Mulini,9
POLIGNANO A MARE (Ba)

INAUGURAZIONE - 29 luglio, ore 21,00
con la Performance "LIGHT EXPERIENCE" di Giulio SPAGONE
Musica: GLANKO
Bodypainting: Massimo NARDI

Il mare è luogo dell’anima: racconta tanti episodi, leggende, storie di vita, di pesca, di viaggi e ne lascia imperitura memoria nei luoghi abitati e nelle comunità coinvolte. Ovunque albergano racconti di mare, eppure in alcuni contesti più che in altri se ne avverte l’ancestrale presenza.
A Polignano a Mare, così come a Napoli, tutto è vita marittima, tutto è nella vita marittima. I mari, le acque richiamano l’uomo e i viaggi per mare avvicinano le anime, tutte accomunate da storie libere e fantasiose, in acque calme o burrascose, alla ricerca di una sfida o di un momento di riflessione.
Deep blu / Sea Stories è una mostra dedicata al mare e ai suoi giovani protagonisti che presi da una familiarità remota, personale e collettiva, rispondono al grande richiamo dell' acqua per un momento ludico librandosi nel cielo finalmente lontani dalle fatiche del quotidiano e dal peso di una vita moderna. Un tuffo nel blu è un’immersione nella profondità della propria anima, di cui il mare ne è lo specchio più fedele.
Le fotografie di Claudio Menna sono frutto di uno studio che si avventura attraverso la dimensione più inesplorata del mare, quella della profondità, dell’immersione, del nuoto. L’artista presenta più un mare nuotato che navigato, un mare che ricopre il soggetto, che lo sospende, lo coinvolge travolgendolo, invitando così l’osservatore a non guardare il mare da fuori, ma da dentro, dunque sulla soglia tra superficie e profondità. Nelle figure l’atto del movimento del tuffo e dell’immersione indica l’abbandono al fluire della vita, dimentica d’impegni e doveri, dove il mare, l’aria e la terra s’incontrano. Mentre i soggetti fermi ammirano l’immensità del mare, contemplando quel senso di libertà che solo chi ama il mare può possedere.

a cura di Titti Delvecchio

orari di visita:
da mercoledì a venerdì: dalle 9:00 alle 13:00
Mercoledì e venerdì: dalle 20:00 alle 23:00
Giovedì: dalle 15:00 alle 18:00

Please reload